GLI AEROPORTI STRARIPANO E I LAVORATORI SCOPPIANO

COMPARTO AEREO-AEROPORTUALE-INDOTTO:

  • SCIOPERO DEGLI STRAORDINARI DAL 5 AL 26 LUGLIO

  • SCIOPERO 17 LUGLIO – ORE 14 – 18

La pandemia è tutt’altro che finita ma è bastato che non se ne parlasse più su stampa e TV che gli aeroporti italiani si riempissero di passeggeri che partono e che arrivano: manna per il turismo e per tamponare una crisi economica e alleggerire una economia di guerra che presto non lascerà scampo ai ceti popolari! MA CHE, OGGI PIÙ DI SEMPRE, RISCHIA DI TRASFORMARSI IN UNA IATTURA PER I LAVORATORI.

UNA REALTÀ MASSACRANTE PER I LAVORATORI

Infatti la realtà per i lavoratori del comparto aereo-aeroportuale-indotto è diventata drammatica e si preannuncia disastrosa per tutta l’estate: le compagnie aeree stanno superando qualsiasi limite di utilizzo del personale di volo (Enac dov’è?) e le aziende aereoportuali (handling e gestione) e dell’indotto (catering, esercizi commerciali, pulizie, ecc.) approfittando delle intese sindacali che permettono l’utilizzo massivo degli stagionali, riempiono gli organici di precari (quando li trovano visto che le condizioni di lavoro sono pessime!), mentre sospendono in cigs i lavoratori stabili (…un bancomat sempre attivo per le aziende!), nonché estendono i turni oltre il limite dell’accettabile, impongono mancati riposi, esigono straordinari senza riserva e, comunque, pretendendo carichi di lavoro insostenibili.

Tutto ciò mentre:

  • i contratti di lavoro sono scaduti da anni (ad es.: Handling dal 2017 e Catering dal 2016) e di rinnovarli non se ne parla;

  • i salari non vengono adeguati al reale costo della vita, peraltro in un momento in cui il caro vita assedia le famiglie e l’inflazione presto raggiungerà tassi a 2 cifre, come non si vedeva da anni;

  • il calcolo del lavoro notturno, festivo e degli straordinari è basato su una retribuzione di quasi 15 anni fa;

  • neppure se ne parla del versamento della Una Tantum a copertura degli anni di “vacanza contrattuale”che si protrae da anni impoverendo i lavoratori.

LE RISTRUTTURAZIONI SI SUSSEGUONO: UNA GIOSTRA SENZA SOSTA

In tale situazione le ristrutturazioni si susseguono e diventano la scusa per peggiorare le condizioni economiche e normative dei lavoratori coinvolti, se non, addirittura, infliggere licenziamenti, con l’obiettivo di operare la solita sostituzione generazionale tra personale stabile ed i più ricattabili precari.

In tale contesto si susseguono gli inconcludenti tavoli di confronto con le solite OO.SS.: una melina che serve per far digerire alla categoria lo status quo e rimandare qualsiasi intervento che tuteli il futuro dei lavoratori DI TUTTI GLI AEROPORTI (FCO, MXP, LIN, CTA, PMO, VCE, NAP e altri ancora!)

SWISSPORT A FCO: ALTRI ESUBERI E TAGLI (PRESTO PURE A LIN!)

Emblematico quanto sta succedendo nel passaggio delle attività di handling da Alitalia Sai in A.S. a Swissport, dopo che il trasferimento di quelle di volo ha lasciato già circa 3000 dipendenti a terra: si susseguono le convocazioni di cui nulla è dato sapere mentre sono uno sbiadito ricordo le assemblee sindacali ove chi era al tavolo di confronto, si assumeva gli impegni e condivideva le piattaforme rivendicative con la categoria che oggi, invece, subisce una intesa dopo l’altra a perdere.

Eppure da tale vergognoso silenzio ciò che trapela è preoccupante: centinaia di esuberi, peggioramenti normativi e forse deroghe contrattuali, il tutto condito da aumento dei carichi di lavoro per coloro che sia in aerostazione che in pista scoppia per l’assalto dei passeggeri.

BASTA! – È ORA DI ALZARE LA TESTA:

  • SCIOPERO DEGLI STRAORDINARI DAL 5 AL 26 LUGLIO

  • SCIOPERO 17 LUGLIO – ORE 14 – 18

Roma 3.7.2022 CUB TRASPORTI

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo nei tuoi profili social. Grazie!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *