GLI EDUCATORI NON SONO LAVORATORI A COTTIMO!

L’emergenza Covid 19 non accenna a rallentare. Nelle scuole aumenta il numero dei contagiati, tanto che si rende necessario chiudere alcune classi.
In questa situazione, ci giunge notizia che molte cooperative stiano riducendo unilateralmente l’orario di lavoro degli operatori educativi, in base alle ore di servizio richieste dal Comune di Roma.
Il ruolo dell’O.E.P.A. è fondamentale per l’inclusione degli alunni con disabilità, eppure gli operatori vengono trattati come schiavi.
Non solo devono subire la sospensione del contratto nei periodi estivi, non solo si chiede loro di essere disponibili a intervenire nelle carenze di un sistema scolastico chiaramente in affanno, oggi li si vuole anche flessibili e pronti a ridursi l’orario secondo le necessità del Comune e delle cooperative.
Tutto ciò è illegittimo. Gli educatori non sono lavoratori a cottimo!
Hanno un contratto di lavoro subordinato, con un orario di lavoro che deve essere rispettato.

Invitiamo tutti gli operatori a segnalarci ogni eventuale comportamento illegittimo.

Tel. 349.4951243 – 347.0527822
Email: info@cubroma.it

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo nei tuoi profili social. Grazie!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *