UNEBA: la farsa del nuovo CCNL

Firmata una pessima pre-intesa per il rinnovo del CCNL UNEBA. FORSE, ANZI NO, SI DICE !? … Ma noi di CUB fatichiamo a crederci e pensiamo sia una trappola:

  • circola voce che Cgil-Cisl-Uil & UNEBA abbiano pasticciato scambiandosi la copia di una pre-intesa, firmata, ma (forse) sbagliata e che quindi essa sia (forse) da risistemare in questi giorni,
  • la pre-intesa che circola (se non verrà modificata) è un vero scempio per i lavoratori a i quali è già applicato il Contratto UNEBA, un gesto criminale contro i salari e i diritti di migliaia di lavoratori, ex pubblici, che operano in centinaia di EX IPAB – ora ASP o Fondazioni – oltre che una presa in giro per tutti/e, poiché il termine per la sua approvazione è stato comunque mantenuto a fine Gennaio 2020.
  • La CUB invita lavoratrici e lavoratori tutti a BOCCIARE il nuovo CCNL UNEBA, in ogni Azienda che lo applica, ove si tengano Assemblee.       

Il 10 dicembre 2019 è stato firmato il pre-accordo sul rinnovo del CCNL UNEBA, scaduto da 7 anni, tra la Associazione UNEBA e Cgil Cisl e Uil. Se pensavamo che già quello delle Cooperative sociali fosse un pessimo CCNL, la realtà ha superato ogni nostra immaginazione con la proposta di rinnovo del CCNL UNEBA poiché:

  • il nuovo CCNL varrà per il 2017-2019 e dopo la solita (falsa) consultazione farsa dei lavoratori entrerà  in vigore a fine gennaio 2020, quindi già scaduto;
  • per 7 anni di “vacanza contrattuale” verrà data un’una-tantum di 100€, quando, a parità di condizioni,  di rinnovo il CCNL Coop. Sociali eroga tre volte tanto;
  • l’aumento mensile sul minimo tabellare sarà di 70€ (80 quello delle Cooperative Sociali), così ripartiti: 20 €.da gennaio, 30€ a dicembre 2020 mentre i rimanenti 20 € saranno oggetto di contrattazione aziendale,
  • l’istituto degli scatti di anzianità verrà (si dice temporaneamente) sospeso dal Giugno 2020 al 31 Dicembre 2022.

Ma il fatto più grave è che con la soppressione del cosiddetto All. 2 al CCNL UNEBA e dell’Art. 3, il nuovo UNEBA darebbe via libera all’applicazione di questo CCNL a decine di migliaia di lavoratori delle ex IPAB, in sostituzione di altri CCNL,  senza garanzia alcuna di mantenere, come in precedenza, le differenze economiche non riassorbibili,  le 36 ore invece che 38, i giorni di ferie in più.

Altri capitoli del nuovo UNEBA ci permettono di affermare a voce alta che UNEBA s’appresta a assumere il ruolo di peggior Contratto Nazionale del Settore:

  • le false assemblee farsa (per altro prive il più delle volte di “voci fuori dal coro”) organizzate nei pochi giorni previsti e messi a disposizione per le consultazioni (il termine è fine gennaio), potrebbero facilmente garantire a cgil-cisl-uil & padroni l’approvazione di questa deprecabile pre-intesa,
  • vengono vergognosamente chiamati a votare (contro gli interessi dei loro colleghi con CCNL Enti Locali o Sanità Pubblica o altri di miglior favore) anche i lavoratori con CCNL UNEBA, certo più numerosi oggi nelle ex IPAB dei loro colleghi con più anni di servizio e altri CCNL, alimentando una guerra intestina,
  • verrà trattenuta – tramite silenzio assenso – sia ai lavoratori già  UNEBA, che a quelli ex pubblici, potenzialmente penalizzati dal nuovo CCNL , una quota percentuale dell’intero monte salario annuale (comprensivo di 13 e 14), che potrebbe anche superare ciò che un lavoratore di media percepisce col proprio incentivo premiante annuale alla produttività; tale quota, prelevata dalle tasche dei lavoratori, andrà a finire a cgil-cisl-uil, per premiare la “fatica e l’impegno” di chi si è tanto prodigato per garantire ai lavoratori una simile schifezza di Contratto Nazionale.

Vorremmo credere che l’improvvisa marcia indietro sulla firma della pre-intesa, comunicata da Cgil, Cisl e Uil, possa derivare da un vero errore dei Funzionari, troppo spesso disattenti, e non dalla vergogna prodotta dalle tante critiche sindacali non allineate, già partite da più parti d’Italia, ma una cosa è chiara:

… questa pre-intesa UNEBA non è potabile e va bocciata!

 

Gennaio 2020   CUB Sanità Italiana

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo nei tuoi profili social. Grazie!

Leave Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *